Miracoli agostani: Roma deserta

Ho avuto la fortuna, e nello stesso tempo la sfiga immensa, di vivermi Roma a Ferragosto per due anni consecutivi, nel 2009 e nel 2010. Non essendoci un solo essere umano amico che fosse rimasto in città, decisi di farmi coraggio, prendere scooter e fotocamera (con sensore infangato) e raccontare tutti quegli scenari surreali. Da San Paolo al Tufello, da Trastevere all’Eur. Le immagini non riescono a rendere a sufficienza l’atmosfera, non potendo ascoltare il silenzio.
Sì, “silenzio”, per le strade di Roma.

Queste sono alcune delle foto scattate nel 2010. L’anno dopo poi lo fece Benedusi su Milano, con una scala, in bianco e nero e bruciando tutti i cieli, e finì sul Corriere. E vabbè.
Ma vuoi mettere la soddisfazione di passeggiare in mezzo alla Tiburtina o parcheggiare lo scooter al centro della Tuscolana?

4 3 2 1 5

Share your thoughts